Seleziona una pagina

COMPETENZE, STRATEGIE
E IMPATTI PER I MUSEI
DELLA CAMPANIA

Il progetto

Reach-Out – Competenze, strategie e impatti per i musei della Campania, è un articolato e innovativo progetto realizzato dal Polo museale della Campania, ispirato da tematiche che si fanno progressivamente strada nel mondo dei beni culturali. Attraverso azioni che si sviluppano su più livelli, affronta argomenti che interessano l’imprescindibile rapporto tra musei e territori, quali la  progettazione partecipata, la ricerca delle partnership, l’analisi e il rapporto con i pubblici.

Partendo dall’impulso dato dalla recente riforma del MiBACT alla centralità del museo per la collettività, Reach Out intende fornire gli strumenti adatti a declinarla in maniera strutturata, implementando le competenze opportune nel personale che opera nei siti museali e, al contempo, promuovendo una ‘iniziativa pilota’ centrata sulla stretta integrazione tra istituzioni di matrice diversa per realizzare progettualità di rete e progetti satellite, capaci di creare dialoghi costruttivi con il territorio.

Il progetto è realizzato dal Polo museale della Campania con le risorse del programma MuSST-Musei e sviluppo dei sistemi territoriali, con le quali la Direzione Generale Musei del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha sostenuto azioni di valorizzazione di sistemi territoriali, attraverso un bando che ha selezionato altri sei poli regionali, oltre a quello campano. 

Reach Out mira a tradurre in azioni specifiche i valori di cui il DM del 23 dicembre 2014, Organizzazione e funzionamento dei musei statali,
dei quali è cornice normativa, e costituisce un contributo importante da parte del Polo museale della Campania alla costituzione del sistema regionale integrato. 

Obiettivi
=
Individuare e mappare potenziali partner sul territorio
=
Moltiplicare le occasioni di co-progettazione tra musei e altre istituzioni culturali e associative
=
Innescare contaminazioni di approccio in grado di arricchire la visione nella gestione dell’offerta culturale
=
Innalzare il livello di competenza dello staff dei musei del Polo
=
Realizzare azioni in grado di far vivere i luoghi della cultura in maniera dinamica e trasversale
=
Aumentare l'accessibilità digitale dei contenuti culturali
=
Promuovere la contaminazione dei pubblici tra le istituzioni pubbliche e private
=
Includere target di pubblico esclusi dai circuiti culturali
=
Migliorare la fruibilità dei luoghi che compongono l’itinerario di Palazzo Reale
=
Incentivare lo sviluppo di buone pratiche replicabili nel tempo e in differenti contesti
=
Sollecitare la realizzazione di progetti satellite, microreti inclusive delle realtà della regione
=
Sviluppare modelli inclusivi orientati alla collaborazione tra i diversi soggetti

AZIONI

Analisi dei Sistemi locali

 

L’azione mira a ricercare partner sul territorio, a stabilire contatti, ad attivare sinergie e a sviluppare azioni di progettazione partecipata tra i siti del Polo e gli altri attori presenti all’interno del contesto in cui operano. I musei condividono una metodologia di individuazione dei partner e sono aiutati nella selezione di potenziali partner tematici e di prossimità, attraverso la costruzione di una matrice di rilevanza e la realizzazione di una mappatura attiva. La fase operativa prevede attività di rilevamento di dati quantitativi e qualitativi.

 

Formazione dello Staff

 

Un percorso formativo su quattro tematiche di particolare attualità e interesse per il comparto culturale: identificazione e gestione della partnership, progettazione partecipata, audience development e  comunicazione digitale. La formazione è interamente web based e avviene attraverso una innovativa learning platform realizzata per l’occasione: un progetto sperimentale con contenuti  multimediali per favorire l’apprendimento e consentirne una consultazione libera e autonoma a tutto il personale del Polo Museale.

Un percorso integrato
per Palazzo Reale

Progetto Pilota

Il progetto centrato su Palazzo Reale di Napoli nasce come verifica dell’intero progetto ed è stato scelto in ragione della ricca articolazione delle entità coinvolte. Propone un percorso di valorizzazione integrata tra Palazzo Reale, Teatro di San Carlo, Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III” e Castelnuovo, che possa ricomporre in un quadro unitario uno dei luoghi simbolo di Napoli. Un’iniziativa con una visione di lungo termine, che coinvolge le istituzioni presenti in un unicum concentrato in poche centinaia di metri, attraverso un contesto creativo condiviso, una programmazione coordinata di eventi e azioni di promozione integrate.

Impatto di Rete

 

Obiettivo dell’azione è quello di trasferire best practice e metodologie adeguate a tutti i siti del Polo regionale, al fine di incrementare le occasioni di confronto e co-progettazione di attività territoriali tra questi ed i rispettivi partner. Questa fase finale del progetto costituirà l’occasione per finalizzare il percorso svolto, sia durante la fase formativa che nelle azioni riguardanti il Progetto pilota. Le metodologie applicate e i risultati del Progetto pilota e della formazione saranno best practices anche per gli altri siti del Polo che elaboreranno nuove proposte e sistemi di aggregazione territoriale. Le migliori idee saranno scelte, consentendo la realizzazione di progetti satelliti.

Presentazione del progetto

 

Lunedì 18 dicembre 2017
Palazzo Reale di Napoli

Cappella Palatina
ore 11.00

DOCENTI
Renato Quaglia Fondazione Foqus

Renato Quaglia

Project manager, direttore organizzativo, coordinatore di istituzioni e iniziative culturali. Docente di Storia dell’impresa culturale e di Economia della cultura presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Direttore generale della Fondazione FOQUS Napoli; analista OCSE (progetto di rigenerazione urbana di Paisley – UK); Esperto per la Education Audiovisual Culture Executive Agency – EACEA, Bruxelles; già direttore del Napoli Teatro Festival dal 2007 al 2011; direttore organizzativo della Biennale di Venezia dal 1998 al 2007. Chevalier de l’Ordre des Art set des Lettres della Repubblica Francese.

Luciano de Venezia Mediateur

Luciano de Venezia

Luciano de Venezia è consulente in progettazione strategica, management e design per la cultura. Attualmente direttore di Mediateur, ha realizzato e coordinato progetti di marketing, piani di comunicazione, campagne di advertising per istituzioni pubbliche, musei, fondazioni e case editrici (Olimpiadi Torino 2006, Mibact, Museo Marta Taranto, Musei civici di Roma). Docente per master e corsi universitari (Università la Sapienza, Università Federico II, Istituto Superiore di Design), svolge attività di analisi e pianificazione nel campo del marketing e dell’audience development per i beni culturali.

Pasquale Sasso

Pasquale Sasso

Dottore di Ricerca in Imprenditorialità e Innovazione. Cultore della materia in Management delle Imprese culturali – Dipartimento di Economia – Università della Campania Luigi Vanvitelli.